5 giugno: Giornata Mondiale dell’Ambiente

Sconfiggere l’inquinamento atmosferico

Sconfiggere l’inquinamento atmosferico” è lo slogan della Giornata Mondiale dell’Ambiente che si celebra oggi e quest’anno è ospitata in Cina. Scelta ben più che simbolica se pensiamo ai livelli di inquinamento dell’aria di Pechino. Per averne un’idea basti pensare che nel mondo l’aria avvelenata uccide circa sette milioni di persone ogni anno e rappresenta la causa principale di morti premature in tutto il pianeta.

Non siamo quindi di fronte ad una questione opinabile ma ad una vera e propria emergenza sanitaria e ambientale se pensiamo che, secondo le Nazioni Unite, nel mondo nove persone su dieci respirano aria ammorbata. E gli inquinanti atmosferici contribuiscono in maniera determinante ai cambiamenti climatici e all’acidificazione degli oceani, oltre a minacciare colture ad uso umano.

Istituita dalle Nazioni Unite nel 1972, la Giornata Mondiale dell’Ambiente si celebra il 5 giugno, data non casuale che ricorda il primo grande vertice internazionale per parlare di ambiente a livello globale: la Conferenza di Stoccolma sull’Ambiente umano.

L’obiettivo della ricorrenza è diffondere consapevolezza circa l’importanza dell’ambiente e promuovere una serie di buone pratiche in grado di generare un impatto positivo su scala planetaria.

L’obiettivo di quest’anno rappresenta una delle più grandi sfide ambientali del nostro tempo e tutti siamo chiamati a fare la nostra parte.