Il 20 maggio è la giornata mondiale delle api

Oggi 20 maggio torna la Giornata mondiale delle api, proclamata nel 2018 dall’ONU.

Per il nostro Paese è in particolare la “Giornata Mondiale dell’Ape Italiana”, una sottospecie di ape autoctona che si è diffusa in tutto il mondo in poco più di un secolo. Una ulteriore testimonianza della ricchezza della nostra biodiversità.
Celebrare la Giornata Mondiale delle Api è un modo per far conoscere questo insetto amico dell’uomo ed insostituibile alleato per lo sviluppo della biodiversità, attraverso iniziative pubbliche.
Inoltre l’apicoltura italiana rappresenta una voce importante del comparto agricolo nazionale, sia per la capacità produttiva raggiunta che per la funzione impollinatrice svolta dalle api.

In Italia gli apicoltori censiti sono circa 55.000, a cui bisogna aggiungerne almeno altri 5.000, soprattutto giovani, che stanno manifestando propositi di investimento in questo settore.
Nonostante le api siano a rischio in tutto il mondo a causa dei cambiamenti climatici che compromettono le fioriture e dell’uso massivo di pesticidi, quello delle api italiane è un patrimonio costituito da 1.500.000 alveari, con una produzione potenziale di circa 23.000 tonnellate e un volume d’affari stimato in 150 milioni di euro.
Dedicare a queste piccole, infaticabili amiche una giornata per conoscerle meglio speriamo sia un passo avanti verso un orizzonte senza pesticidi.