Stop a fumo e plastica nell’arcipelago delle Pelagie

Buone pratiche nell’arcipelago delle Pelagie.

Dopo l’ordinanza che vietava la vendita di posate e stoviglie di plastica monouso nelle isole, dal primo giugno saranno bandite anche le sigarette sulle spiagge di Lampedusa e Linosa. Secondo l’ordinanza del sindaco si potrà fumare solo nelle aree attrezzate e non più distanti di due metri dai posacenere apposti dall’amministrazione.

Inutile dire che sarà vietatissimo gettare mozziconi a terra o in acqua.

Per capire le ragioni delle ordinanze, se non dovessero bastare educazione e buon senso, possono venirci in aiuto i numeri: piatti, posate e sacchetti di plastica hanno un processo di decomposizione lunghissimo, anche fino a mille anni mentre i mozziconi di sigaretta in acqua possono resistere fino a 3 anni con il loro carico di sostanze altamente nocive. Secondo uno studio italiano riportato dal National Geographic, i mozziconi sono il rifiuto singolo più abbandonato in assoluto sulla Terra. Su scala globale, ogni giorno ne vengono dispersi nell’ambiente qualcosa come 10 miliardi.

Un provvedimento necessario dunque, legato alla vocazione turistica delle Pelagie, prezioso scrigno di delicati tesori naturali che, per restare fruibili a tutti necessitano di tutela e attenzioni.